Depart Mostra PINO PINELLI Antologia rossa Comunicato Stampa

Galleria Dep Art Milano Mostra Esposizione PINO PINELLI Antologia rossa Comunicato Stampa

Home Page DepArt Artists
ARTISTI
Exhibition
MOSTRE
Fairs
FIERE
Gallery
GALLERIA
Books
PUBBLICAZIONI
News
EVENTI

Back to Exhibitions    TORNA ALLE MOSTRE

 

Comunicato Stampa

PINO PINELLI Antologia rossa

Installations    IMMAGINI

Press Review    RASSEGNA STAMPA

Videos    VIDEO

PINO PINELLI

Antologia rossa
21 marzo - 30 maggio 2015

   
Pino Pinelli
La Galleria Dep Art inaugura una importante mostra retrospettiva con opere dagli anni ’70 ad oggi: dai primi monocromi che indagano lo "stato ansioso" della pittura fino alla “rottura del quadro” e le conseguenti “disseminazioni”.

 

Come scrive A. Zanchetta: «Nella seconda metà del XX secolo i pittori avevano rinunciato alla cornice del quadro – sentita come un vincolo e un orpello – e si erano interessati a scandagliare le pareti dei musei o delle gallerie d’arte, permettendo così alle opere di entrare in relazione diretta con l’ambiente espositivo, “luogo di accadimenti” che diventa il nuovo confine spaziale della pittura. Negli anni Settanta, artisti come Pino Pinelli si avvedono anche del limite imposto dal telaio del quadro stesso; rispondono quindi con una deflagrazione e uno sconfinamento in grado di dare corpo alla pittura, rendendola materia (più ancora che materica). Pinelli, ad esempio, avverte l’esigenza di rifondare la natura stessa della pittura, i suoi presupposti, prefigurandone gli sviluppi futuri e tutte le diramazioni possibili. Ancor oggi, la sua è una pittura “pensata” in relazione allo spazio espositivo, “progettata” per vivere in sinergia e in simbiosi con l’architettura».

Scarica il comunicato stampa

Dep Art Gallery is inaugurating an important retrospective show with works ranging from the seventies to today: starting from the first monochromes, investigating the “anxious condition” of painting, until the work of art was “broken” itself, and disseminations followed.

 

As A. Zanchetta writes: «During the second half of the twentieth century, painters rejected painting frames – felt as an obligation and a frill – and involved themselves in probing the walls of art museums and art galleries, thus allowing works to enter in direct relation with the exhibition space, a “place of happenings” becoming the new spatial limit of painting. During the seventies artists as Pino Pinelli also got knowledge of the boundary imposed by the structure of the work itself; they therefore answered with an explosion and a trespassing of it, giving a body to painting and making it a material (more than materical). Pinelli, for example, feels the necessity of resettle the nature of painting itself and its premises, foreseeing its future developments and all possible applications. Today his painting is still “thought” in relation to the exhibition space and “projected” to live in synergy and symbiosis with architecture».

Download Press Release

Titolo Pino Pinelli. Antologia Rossa
Date 22 marzo - 30 maggio 2015
Opening 21 marzo - ore 18.00
Catalogo bilingue italiano/inglese, con testo di Alberto Zanchetta
   
Title Pino Pinelli. Antologia Rossa
Dates 22 March - 30 May 2015
Opening 21 March - 6 pm 
Catalogue bilingual Italian/English, with text by Alberto Zanchetta